Alcol, Ridurre le Porzioni per Limitarne il Consumo?

Molti di noi sono familiari con la scena: si esce per un drink in un pub o un bar e il cameriere ci chiede: “Piccolo o grande?” Senza esitazione, rispondiamo “Grande”. Ma cosa succederebbe se la dimensione massima della porzione fosse ridotta, ad esempio limitata a 175 ml? Cambierebbe il nostro comportamento di consumo? Questa è una riflessione importante da fare, considerando come le dimensioni delle porzioni possano influenzare il nostro consumo di alcol.

🟡 Raccomandazioni per un Consumo Moderato di Alcol 🟡

Bere Responsabilmente:
– Limita a 1-2 drink al giorno.
– Utilizza bicchieri più piccoli.
– Alterna con acqua tra le bevande.
– Accompagna con cibo per rallentare l’assorbimento.
– Evita le bevande alcoliche ad alta gradazione.

🍷 Esempio: Opta per una piccola porzione di vino durante la cena.
🍺 Esempio: Limita le birre a un massimo di due durante una serata.
🚗 Ricorda: Mai guidare sotto l’influenza dell’alcol.

L’Influenza delle Dimensioni delle Porzioni

Studi condotti nel 2015, evidenziati in una revisione sistematica di Cochrane, dimostrarono che le persone consumano più cibo quando le porzioni sono più grandi. Questo concetto, ampiamente applicato al cibo, ha ispirato ulteriori indagini riguardanti il mondo dell’alcol. Nel 2022, sono state esaminate diverse ricerche che affrontano il tema del rapporto tra dimensioni delle porzioni e consumo di alcol.

Scelte più Piccole, Consumo più Controllato di Alcol

L’evidenza proveniente da contesti reali suggerisce che l’utilizzo di bicchieri da vino più piccoli può contribuire a un consumo inferiore sia nei ristoranti che a casa. Inoltre, bere da bottiglie da 500 ml anziché da quelle da 750 ml potrebbe favorire un consumo più moderato anche a domicilio. Ridurre le dimensioni delle bevande alcoliche servite nei locali pubblici sembra promettente, ma fino a poco tempo fa mancavano prove reali a sostegno di questa ipotesi.

Uno Studio sul Campo per il Consumo di Alcol

Per colmare questa lacuna nelle evidenze, è stato condotto uno studio registrato presso il registro ISRCTN coinvolgendo 21 pub, bar e ristoranti in Inghilterra. Per quattro settimane, è stato chiesto loro di rimuovere l’opzione della porzione più grande di vino per bicchiere, solitamente di 250 ml. I risultati sono stati sorprendenti: la rimozione di questa opzione ha portato a una riduzione del 7,6% nel volume complessivo di vino venduto, senza alcun impatto sulle vendite di birra, sidro o sulle entrate giornaliere complessive.

La Questione delle Dimensioni nel Mondo della Birra

Si è tentato di estendere questa ricerca alla birra, cercando di sostituire la pinta imperiale (568 ml) con una misura da due terzi di pinta. Tuttavia, le difficoltà nell’ottenere la collaborazione di pub, bar e ristoranti sono state evidenti, principalmente a causa dell’attaccamento culturale alla “pinta”. Ciò ha spinto a eseguire uno studio sostitutivo, introducendo l’opzione di due terzi di pinta in 13 locali per 4 settimane. I risultati preliminari indicano che questa modifica non ha influenzato il volume di birra o sidro venduto.

Il Futuro delle Dimensioni delle Porzioni di Alcol

In considerazione di questi studi, emerge la possibilità che ridurre la dimensione delle porzioni di vino e birra nei pub, bar e ristoranti possa contribuire a limitare il consumo di alcol. Questa prospettiva solleva una domanda intrigante: è forse giunto il momento di valutare regolamentazioni sull’erogazione di alcol che impongano limiti alle dimensioni delle porzioni in bicchieri e bottiglie? Questa potrebbe essere una strategia efficace per mantenere un consumo di alcol più consapevole e moderato nella società moderna.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottimizzato da Optimole
it_ITItalian
Skip to content
Verified by MonsterInsights